Oggi è ...
Grazie a tutti...
abbiamo appena raggiunto
1.680.000 visite

Il padiglione Calabria all'Expo mette a tavola anche la musica

La band Zona Briganti ospite del padiglione Calabria all’EXPO 2015 di Milano

di Nadia Macrì - 29 luglio 2015
2081

L’offerta enogastronomica che attende i visitatori di Expo Milano 2015 nel padiglione Calabria, in questi giorni vede servita a tavola una pietanza che fa muovere e ballare: la musica! Il Padiglione Calabria infatti, oltre a promuovere i prodotti di eccellenza del territorio, vuol far conoscere le tradizioni e quindi la musica popolare calabrese. Musica che soprattutto in estate, nelle grandi tavolate accompagna i pranzi e le cene fra organetti, tamburelli e un bicchiere di vino. E si sta a tavola ore ed ore. Un brindisi, un ritornello, qualcosa da sgranocchiare. La musica è servita a tavola!

La Musica dei Zona Briganti da 10 anni canta e racconta leggende antiche, tradizioni popolari, ma anche questioni meridionali e la voglia di riscatto. Una Calabria giovane, sorridente, che rompe le barriere culturali per fondersi in un unico ideale.

«È un bel carico emotivo portare il nostro progetto all'Expo e intrattenere il pubblico internazionale con la nostra musica - racconta Luigi Vizza, chitarrista della band - un confronto fra popoli che indica la strada giusta per affrontare il futuro».

Il loro nuovo lavoro discografico appena pubblicato, L’Animu Canta,  già disponibile in digital download, sulle principali piattaforme streaming e nei negozi tradizionali, ripercorre il viaggio decennale della band che unisce sonorità meridionali, a ritmi folk/rock, senza tralasciare la danza e la femminilità dei passi di pizzica e taranta. La band è composta da Andrea Vizza: voce, lira calabrese e organetto; Luigi Vizza: chitarra battente e chitarra classica; Giuseppe Di Nardo: chitarra elettrica e chitarra classica; Enrico Vizza: percussioni; Davide Capitano: basso elettrico; Francesco Mancuso: voce, organetto, pipita e strumenti a fiato; Melinda Bernaudo: voce; Mariachiara Alessio: voce e ballo.

L'album L'Animu Canta contiene infatti 13 brani che si muovono tra musica folk e radici rock che si legano a ritmi e sonorità quasi latine, al dub e allo ska.  Fra l'uso del dialetto e strumenti della tradizione impressionano sensazioni, ricordi e sogni. Ma c'è spazio anche per uno uno stile musicale romantico, come il brano strumentale Arasa, scritto da Giuseppe Di Nardo, che chiude l'album fra chitarra elettrica e  innovazione.

Questa la tracklist del cd  L'Animu Canta:  'Uiginellu, Zona Briganti, Tarantella Minore, Tarantella Aramonese, U bene e le parole, Pedi e Poeta, Mata e Grifone, Ritmu Novu, Balla ca te passa, Di rabbia e d'amore, M'hannu dittu, L'Animu Canta, Arasa.

Dopo l'esperienza milanese, la band Zona Briganti continuerà a portare l’energia che da sempre li caratterizza sul palco, in appuntamenti live in tutta la regione:  il 2 agosto a Rogliano (CS), il 3 agosto a Zungri (VV), il 7 agosto a Sciconi di Briatico (VV), l’8 agosto a Montalto Uffugo (CS), il 9 agosto a Villa San Giovanni (RC), il 10 agosto a San Giorgio Morgeto (RC), il 14 agosto a San Lucido (CS) e il 20 agosto a Rizziconi (RC).

E chissà magari dopo il confronto di questi giorni anche con i gruppi arabi, avremo sul palco nuovi cori!


Zona Briganti - Di rabbia e d'amore
1
L'autore

Nadia Macrì

Nadia Macrì, è nata nel 1977 a Zurigo, ma ha vissuto anche in altre città italiane, isole comprese.
Non è chiaro se per vocazione o per bisogno, alterna pittura, radio, canto, web e scrittura all'arte della medicina. Segue con particolare interesse gli artisti emergenti e ama tutto ciò che è alternativo.
Ha all'attivo diverse collaborazioni con emittenti radiofoniche, case discografiche e portali musicali. Collabora con diverse associazioni locali e nazionali per la realizzazione di eventi musicali, ma ama soprattutto comunicare con gli artisti attraverso le sue interviste che conclude sempre con la stessa domanda semi-seria: qual è la nota musicale preferita. Quasi a voler costruire una melodia aggiungendo una nota per volta.
Di se stessa dice: "Ci sono quelli che sanno tenere i piedi per terra. E chi ha sempre la testa fra le nuvole. Nadia è a metà. Tra terra e cielo”.
Cerca
Musica - Ultime news...
11 mar 2019 | 285
19 feb 2019 | 347
17 feb 2019 | 297
16 feb 2019 | 248
12 feb 2019 | 222
9 feb 2019 | 214
9 feb 2019 | 353
8 feb 2019 | 264
7 feb 2019 | 269
6 feb 2019 | 339
6 feb 2019 | 308
5 feb 2019 | 207

Musica

Visualizza tutti gli articoli
Fratelli d'Arte Magazine - Testata giornalistica registrata - Reg. Trib. di L'Aquila n. 4/13
Direttore responsabile Silvia Valenti - Contatti: redazione@fratellidartemagazine.it 
© 2013 Fratelli d'Arte Associazione Nazionale - Tutti i diritti sono riservati - Realizzato da oasiWEB