Oggi è ...
Grazie a tutti...
abbiamo appena raggiunto
1.790.000 visite

In scena i Pagliacci di Leoncavallo

Grande successo al Teatro Lirico di Cagliari

di Gianluigi Dettori - 26 novembre 2013
2598

Preceduta da un quantomai opportuno minuto di silenzio in suffragio delle vittime dell’alluvione sarda, al Teatro Lirico di Cagliari dal 22 novembre è in scena “Pagliacci”, dramma in un prologo e due atti su libretto e musica di Ruggero Leoncavallo.

Nonostante la grave situazione economica e di gestione del Teatro (la nomina del sovrintendente è stata appena annullata dal TAR di Cagliari), l’edizione merita complessivi plausi e apprezzamenti. 


Cellia Costea
Gli interpreti (Nedda/Colombina Cellia Costea, Canio/Pagliaccio Rubens Pelizzari, Tonio/Taddeo, Peppe/Arlecchino Saverio Fiore, Silvio Gianpiero Ruggeri, primo contadino Carlo Checchi, secondo contadino Marco Tomasoni) si sono dimostrati all’altezza dei rispettivi ruoli, con quale perplessità sulla coerenza vocale di Nedda, a tratti eccessiva e smodata, compensata peraltro da presenza scenica e adeguatezza teatrale. Davvero portentosa la tecnica e la portata sonora della voce di Canio, specialmente nel prologo iniziale, peraltro favorito dalla collocazione proscenica. 

Ciò che ha davvero reso lo spettacolo degno del nome del Teatro Cagliaritano, oramai (deve dirsi, contrariamente al passato) al pari per programmazione, ricerca e per capacità professionale dei maggiori teatri d’opera esistenti, è stata la bravura delle masse orchestrale e corale.


Teatro lirico di Cagliari
L’orchestra (che ha peraltro magistralmente eseguito in apertura di serata 5 brani lirico/sinfonici prima dell’opera) è stata diretta abilmente dal maestro Marcello Mottadelli, bacchetta sicura e interprete maturo della musica verista; il coro ha lodevolmente contribuito, oltre che con la perfetta esecuzione delle parti a lui assegnato dalla partitura, alla rappresentazione scenica coinvolgente e appassionante della storia.
La regia di Franco Zeffirelli (in perfetta simbiosi con i costumi di Raimonda Gaetani e le luci di Gianni Paolo Mirenda) ha però definitivamente sancito il successo dell’edizione: la ricchezza di soluzioni sceniche e il consistente utilizzo di comparse e invenzioni teatrali (la Vespa anni ’50 in scena o i due trans sono stati una trovata geniale, solo per citarne alcuni) e di movimenti scenici veloci e senza sosta, ha reso ancora una volta giustizia alla firma intramontabile di un genio (forse l’ultimo) della regia lirica delle opere italiane. 

Resta la solita amara considerazione della svalutazione di un patrimonio culturale che, ove opportunamente gestito da teatri elevati e di grande livello artistico come quello cagliaritano e quando scevro da polemiche e diatribe tanto politiche e poco artistiche, potrebbe consentire la svolta nella gestione – anche economica – delle professionalità nazionali. Ma questa è altra storia … 

 


Cerca
Teatro - Ultime news...
10 mag 2018 | 914
21 feb 2017 | 1251
29 gen 2017 | 1477
20 gen 2017 | 1131
17 gen 2017 | 1169
7 nov 2016 | 1178
2 mag 2016 | 1453
15 feb 2016 | 1653
1 feb 2016 | 1483
23 gen 2016 | 1421
15 lug 2015 | 1955
31 mag 2015 | 1800

Teatro

Visualizza tutti gli articoli
Fratelli d'Arte Magazine - Testata giornalistica registrata - Reg. Trib. di L'Aquila n. 4/13
Direttore responsabile Silvia Valenti - Contatti: redazione@fratellidartemagazine.it 
© 2013 Fratelli d'Arte Associazione Nazionale - Tutti i diritti sono riservati - Realizzato da oasiWEB