Oggi è ...
Grazie a tutti...
abbiamo appena raggiunto
1.680.000 visite

"I figli so'piezz'e core" per tutte le Mamme del mondo

Le parole di Filumena Marturano riecheggiano al teatro gravinese Vida

di Emanuela Grassi - 7 dicembre 2013
5700


Soriano con i tre figli - © Grassi
Già nel V sec. a.C., Sofocle scriveva in Fedra: “Per la madre, i figli sono ancore della vita”. Sono trascorsi secoli e, quella verità è diventata sempre più attuale grazie all’immortale Filumena Marturano della commedia di Eduardo De Filippo. Commedia più volte rappresentata sia a teatro che al cinema, sia in Italia che all’estero e, che, nel primo weekend di dicembre, esattamente nei giorni del 30 novembre e 1 dicembre, è stata messa in scena dalla compagnia napoletana “Il dialogo” di Cimitilene presso il teatro gravinese Vida. Alla regia, Ciro Ruoppo, le cui oculate scelte registiche hanno reso ancora più moderna e contemporanea, l’opera edoardiana originale, incentrata sul problema dei diritti dei figli illegittimi, nati fuori dal matrimonio.


Filumena - Tina Spampanato - © Grassi
Commozione, trasporto ed intenerimento verso donna Filumena hanno fatto da padroni nel cuore del pubblico gravinese che ha apprezzato il massimo impegno e la grande professionalità degli attori e del regista e non solo. Apprezzata la scenografia costituita da una prigione dorata nel primo atto che, nel secondo, si trasforma in tende per il matrimonio; i giochi di luce realizzati grazie al tecnico Mariangela Aquila, che passando dalle tonalità del grigio e del rosso del primo atto al bianco del secondo, hanno messo in evidenza i diversi stati d’animo dei personaggi. Rabbia, rancore, collera ed irritazione incontrasto con l’amore che porta luce, gioia e serenità. Il regista ha, inoltre, introdotto in scena una Filumena ragazzina per rendere al meglio l’effetto flashback nel monologo della protagonista, per l’appunto Filumena Marturano, interpretato da Tina Spampanato, che fa la sua comparsa sul palco al buio mentre si veste.


Filumena inveisce contro Don Mimì - © Grassi
La Spampanato è riuscita egregiamente a far percepire ai presenti la pazienza e la perseveranza di Filumena nell’intento di dare un cognome ai suoi figli segreti utilizzando l’inganno verso l’uomo che l’ha sempre trattata senza mai un briciolo di rispetto o umanità, Domenico Soriano, in scena Salvatore Maccaro, uomo che tra il primo e secondo atto si trasforma da maschio a uomo, capendo che arriva il momento in cui si deve mettere da parte il proprio egocentrismo per il bene della propria famiglia. Momento in cui l’uomo Don Mimì dà a Filumena l’unica cosa che lei aveva sempre chiesto, che farà scattare in lei, un pianto liberatorio. Un pianto di gioia e di stanchezza assieme, facendole versare lacrime che “appartengono solo a chi il bene lo ha avuto, almeno una volta nella vita, e sa cosa voglia dire la sua mancanza” e che, finalmente, anche Filumena potrà versare quando, alla fine, i tre figli si chiameranno Soriano, avranno gli stessi diritti e lo stesso amore.

Filumena rappresenta la Mamma per eccellenza, una donna dal carattere sostanzialmente forte e combattivo, fondamentalmente schietto e sincero, costretta dalla fame a conoscere l’umiliazione dell’amore mercenario e che, ciononostante, non ha mai dimenticato i suoi doveri di madre. In scena, la Spampanato, attraverso la tecnica dei flashback con la sua controfigura da ragazzina, interpretata da Milly Enza Maccaro, viene presentato uno dei monologhi più drammatici di tutta la storia del teatro. Tra cambi di luce e toccante recitazione delle due attrici, la voce del sangue prevale sulla vita triste e tormentata che la donna ha vissuto. Per Filumena, infatti, «’E figlie so’ ffiglie.... E so’ tutte eguale.... I figli so' piezz'e core».


Domenico Soriano - Salvatore Maccaro - © Grassi
Da sottolineare che, oltre alla protagonista principale, tutti gli attori sono stati bravi. Da Domenico Soriano, in scena Salvatore Maccaro, ricco di differenti sfumature caratteriale che hanno evidenziato il passaggio da maschio a uomo, nei due atti; ai tre figli, Salvatore Leone (Umberto), Antonio Mauro (Riccardo), Alfredo Lace (Michele); e poi Felice De Cicco (Alfredo Amoroso – lo “spiccia-faccende”); Liana De Rosa (Rosalia Solimene – la “dama di compagnia”- confidente di Filumena); Lucrezia Manganalli (Diana – la fidanzata di Domenico); Vecchiarelli (Lucia – la cameriera); Peppe Miccio (Avv.Nocella); Mary Rullo (Teresina); Ciro Ruoppo (facchino); Milly Enza Maccaro (Filumena “ragazzina”).

Il sipario cala sul sogno di una famiglia felice che forse non è solo utopia; speranza che in fondo al cuore ogni uomo coltiva da sempre.

Prossimo appuntamento al teatro Vida: 14 e 15 dicembre con “In due nel deserto” della compagnia “Del mulino” di Valenzano (BA).

 


L'autore

Emanuela Grassi

Emanuela Grassi è nata ad Altamura (BA) nell’agosto del 1977. Laureata in lingue e letterature straniere nel marzo del 2004, è diventata giornalista pubblicista nel febbraio 2006 ed europrogettista nel 2013. La comunicazione ed il turismo sono i settori in cui si è specializzata sia nella sua città natale dove attualmente è tornata a vivere, Gravina in Puglia, che nella città in cui ha vissuto per dieci anni, Pescara. Varie le mansioni che ha ricoperto in questi due ambiti: da fotoreporter a giornalista di carta stampata, tv e radio; da giornalista di quotidiani on line, web tv e web radio ad addetto stampa di varie realtà culturali e sportive nonché moderatrice di dibattiti e presentazioni di libri e presentatrice di eventi culturali. Nel settore turistico è stata interprete e traduttrice, addetta al front office negli uffici di informazione e accoglienza turistica. Oggi, collabora saltuariamente con il gruppo Edilife di Dipalo Francesco, azienda che opera nel campo della comunicazione e del marketing sul web; è la responsabile dell’ufficio stampa del Teatro Vida, una delle realtà culturali gravinesi nata con l’intento di far conoscere alla gente i molteplici linguaggi artistici teatrali; è Direttore di testata del quotidiano radiofonico on line di musica, attualità, notizie e gossip Radio Studio A. Inoltre, è l’ideatrice e conduttrice del format Mi libr(ere)i in volo, con cui attraverso brevi interviste a scrittori affermati e non, si impegna nel diffondere la sensibilizzazione verso la lettura e l’amore per i libri.
Passione, determinazione ed intraprendenza sono le parole chiave della sua filosofia di vita. 
Cerca
Teatro - Ultime news...
10 mag 2018 | 576
21 feb 2017 | 923
29 gen 2017 | 1125
20 gen 2017 | 841
17 gen 2017 | 864
7 nov 2016 | 898
2 mag 2016 | 1160
15 feb 2016 | 1323
1 feb 2016 | 1202
23 gen 2016 | 1117
15 lug 2015 | 1682
31 mag 2015 | 1531

Teatro

Visualizza tutti gli articoli
Fratelli d'Arte Magazine - Testata giornalistica registrata - Reg. Trib. di L'Aquila n. 4/13
Direttore responsabile Silvia Valenti - Contatti: redazione@fratellidartemagazine.it 
© 2013 Fratelli d'Arte Associazione Nazionale - Tutti i diritti sono riservati - Realizzato da oasiWEB