Oggi è ...

In due nel deserto

Il teatro dell’assurdo in scena al Vida di Gravina

di Emanuela Grassi - 17 dicembre 2013
1671

Un intrecciarsi di vicende in un mondo a volte fantasioso e grottesco, la messa in scena in concorso nell’edizione 2013 della rassegna Amattori insieme Premio Pippo Schinco – Vito D’Agostino di In due nel deserto - Aspettando Godò con l'accento sulla "O" della "Compagnia del Mulino".


Matera, Leuzzi, Quero, Malerba, Frisullo - © Grassi
A calcare il palcoscenico del teatro Vida, nel weekend del 14 e 15 dicembre, le attrici Alessia Matera, Sara Leuzzi, Anna Quero, Federica Malerba e Daniela Frisullo della compagnia di Valenzano, nata nel 2003 per iniziativa del regista barese Ninni Matera; compagnia che oltre all’impegno teatrale, dal 2010 ha intrapreso anche attività editoriale rilevando la proprietà del mensile “Osservatorio delle Arti” e fondando la collana letteraria “Edizioni della Compagnia del Mulino”.

 

Samuel Beckett rivisitato
La storia narra di una coppia di strani vagabondi in un deserto, Estro e Vlad, che si incontrano in un luogo perché convocati da un debitore comune. Mentre attendono si imbattono dapprima in Spav, uno spaventapasseri terrorizzato da un energumeno di nome Bombo, poi essi stessi incontrano l'omaccione che terrorizza tutti quanti con la minaccia di un cannone che tiene ben celato. Una sola persona riesce a spaventarlo: una ragazza che, ricordandogli i suoi obblighi familiari e genitoriali vorrebbe da lui un risarcimento. I personaggi sono assolutamente inventati… che ci fa, infatti, uno spaventapasseri in un deserto?


Suonando il Kazoo - © Grassi
Canzoncine, sonate con il kazoo, strumento musicale che fa parte della categoria dei membranofoni, e balletti interrompono l'azione scenica per sottolineare i passaggi da un quadro all'altro (dodici in tutto). Le attrici, dalla spiccata mimica e dalla chiara dialettica oltre che dotate di memoria ineccepibile, hanno più volte coinvolto il pubblico riuscendo a dare vita a momenti di grasse risate grazie al crescendo emozionale creato nei differenti quadri. A fine spettacolo, nessuna morale, nessuna spiegazione ma soltanto tanti punti interrogativi.

 


Un tè nel deserto - © Grassi
L'interpretazione del regista
Il regista Ninni Matera, intervistato subito dopo lo spettacolo, racconta di aver pubblicato a puntate su un giornale i dodici quadri così come gli venivano in mente. Giunto all’ultimo quadro ha pensato che sarebbe stato molto carino ed originale portare sul palcoscenico l’intera sua opera ed è così che è nato lo spettacolo In due nel deserto - Aspettando Godò con l'accento sulla "O", un Godò che nulla ha a che vedere con l’originale beckettiano se non per l’ispirazione registica con cui Ninni Matera ha voluto mettere a nudo il vuoto esistenziale con cui viviamo oggigiorno a causa della tecnologia e dei social network, che attraverso il mondo virtuale, creano un deserto di rapporti umani nella vita reale. 


L'autore

Emanuela Grassi

Emanuela Grassi è nata ad Altamura (BA) nell’agosto del 1977. Laureata in lingue e letterature straniere nel marzo del 2004, è diventata giornalista pubblicista nel febbraio 2006 ed europrogettista nel 2013. La comunicazione ed il turismo sono i settori in cui si è specializzata sia nella sua città natale dove attualmente è tornata a vivere, Gravina in Puglia, che nella città in cui ha vissuto per dieci anni, Pescara. Varie le mansioni che ha ricoperto in questi due ambiti: da fotoreporter a giornalista di carta stampata, tv e radio; da giornalista di quotidiani on line, web tv e web radio ad addetto stampa di varie realtà culturali e sportive nonché moderatrice di dibattiti e presentazioni di libri e presentatrice di eventi culturali. Nel settore turistico è stata interprete e traduttrice, addetta al front office negli uffici di informazione e accoglienza turistica. Oggi, collabora saltuariamente con il gruppo Edilife di Dipalo Francesco, azienda che opera nel campo della comunicazione e del marketing sul web; è la responsabile dell’ufficio stampa del Teatro Vida, una delle realtà culturali gravinesi nata con l’intento di far conoscere alla gente i molteplici linguaggi artistici teatrali; è Direttore di testata del quotidiano radiofonico on line di musica, attualità, notizie e gossip Radio Studio A. Inoltre, è l’ideatrice e conduttrice del format Mi libr(ere)i in volo, con cui attraverso brevi interviste a scrittori affermati e non, si impegna nel diffondere la sensibilizzazione verso la lettura e l’amore per i libri.
Passione, determinazione ed intraprendenza sono le parole chiave della sua filosofia di vita. 
Cerca
Teatro - Ultime news...
10 mag 2018 | 631
21 feb 2017 | 986
29 gen 2017 | 1181
20 gen 2017 | 887
17 gen 2017 | 920
7 nov 2016 | 941
2 mag 2016 | 1203
15 feb 2016 | 1386
1 feb 2016 | 1249
23 gen 2016 | 1176
15 lug 2015 | 1729
31 mag 2015 | 1581

Teatro

Visualizza tutti gli articoli
Fratelli d'Arte Magazine - Testata giornalistica registrata - Reg. Trib. di L'Aquila n. 4/13
Direttore responsabile Silvia Valenti - Contatti: redazione@fratellidartemagazine.it 
© 2013 Fratelli d'Arte Associazione Nazionale - Tutti i diritti sono riservati - Realizzato da oasiWEB