Oggi è ...

Il sosia di Lui

Paolo Cevoli porta in scena Mussolini in un monologo storico-comico

di Matteo Franzoni - 3 febbraio 2014
3510

Auditorium Ferrari di Maranello al completo per il monologo storico-comico Il sosia di lui scritto e interpretato da Paolo Cevoli. Un’ora e quaranta di monologo ininterrotto dell’attore che da solo conquista e rapisce un pubblico estasiato dalla grande loquacità e simpatia del comico romagnolo.

 


© Matteo Franzoni
La rappresentazione teatrale
Cevoli interpreta Pio Vivadio, soprannominato Nullo. Pio è figlio di “enne-enne” e viene cresciuto dalle suorine di Riccione. Ben presto sviluppa una grande passione per i motori e sarà questa passione a modificargli inesorabilmente la vita nel 1934. In quell’anno infatti Mussolini decide di passare qualche giorno di vacanza insieme alla famiglia nella villa di Riccione e raggiunge i suoi cari in idrovolante. La folla è estasiata dall’arrivo del Duce, chi lo aspetta in spiaggia, chi si avvicina a lui in moscone, l’unico preoccupato è il suo meccanico di bordo che si accorge che un motore dell’idrovolante ha dei problemi. È qui che viene chiamato in causa Nullo con le sue proverbiali abilità da meccanico e proprio mentre sta lavorando alla riparazione del motore viene scambiato per Mussolini dai due figli piccoli del Duce, Annamaria e Romano. Un gerarca fascista nota anch’esso la somiglianza. Si decide di arrestare immediatamente Nullo per renderlo la controfigura di Mussolini, il sosia perfetto per sostituire il Duce negli eventi di gala e nelle cerimonie, permettendo così al vero Mussolini di attendere ai propri impegni personali. La narrazione scorre piacevole, Riccione d’estate è il centro di divertimenti, passioni amorose ed espansioni urbanistiche per accogliere i turisti, Riccione è musica e feste da ballo e Cevoli ci racconta con tanta ilarità la sua città negli anni trenta e quaranta.

 

La regia
La regia dello spettacolo, oltre che le luci e la scenografia, è di Daniele Sala, con il quale il comico romagnolo ha già lavorato nella sua prima esperienza teatrale, La penultima cena.


© Matteo Franzoni
Tra risate fragorose e un’interpretazione magistrale lo spettacolo scorre piacevole e alla fine il pubblico applaude soddisfatto per vari minuti, chiamando l’attore a uscire più volte per i saluti, che saranno come sempre originali e divertentissimi, Cevoli infatti si accommiata dicendo “grazie, è stato bello recitare con voi in questo capannone di Maranello”, scatenando le risate del pubblico.

 

Cevoli da vicino
Il comico dopo lo spettacolo si è messo a disposizione del pubblico rimasto per foto e autografi e scherzosamente si è intrattenuto dimostrando tutta la sua genuinità e simpatia.


© Matteo Franzoni
Nelle domande che gli sono state rivolte Cevoli si è mostrato un uomo spontaneo, legato alla famiglia e alla sua Romagna e dal punto di vista professionale un attore pronto a scommettere sul teatro anche in futuro, approfondendo il filone storico-comico che in Italia non è molto diffuso, pur proferendo parole di grande affetto e stima per la famiglia di Zelig che lo ha reso noto al grande pubblico. In chiusura una chicca che stupirà gli appassionati di Paolo Cevoli che ha rilevato in anteprima il suo sogno di approdare al cinema con la corrente storica che tanto ha dimostrato di amare.


L'autore

Matteo Franzoni

Matteo nasce nel settembre del 1970. Sin dai primi anni di vita dimostra un forte interesse per l’arte e la comunicazione. 
Grazie a questa passione si iscrive alla scuola di grafica e arti visive di Bologna, dove sviluppa e affina le sue qualità artistiche. Diplomato nel 1992 si getta anima e corpo nel mondo della grafica, lavorando per varie aziende della provincia bolognese.
Nel 2000 si trasferisce a Fiorano e nel modenese conosce la differenza tra la grafica pubblicitaria e la grafica ceramica, data la specializzazione nel settore ceramico dell’intero distretto.
Negli anni a venire approfondisce la sua passione per la fotografia, facendola diventare parte integrante del suo mestiere. Spazia dai reportage di matrimonio alle foto di eventi e concerti.
Nell'ultimo anno amplia le sue competenze e grazie all'esperienza accumulata negli anni a livello comunicativo decide di intraprendere, unitamente a grafica e fotografia, anche la la professione di giornalista. Scrive e collabora con varie riviste on line come Omnibus e Giornalisti On Line.
Cerca
Teatro - Ultime news...
10 mag 2018 | 631
21 feb 2017 | 986
29 gen 2017 | 1181
20 gen 2017 | 887
17 gen 2017 | 919
7 nov 2016 | 940
2 mag 2016 | 1201
15 feb 2016 | 1385
1 feb 2016 | 1249
23 gen 2016 | 1175
15 lug 2015 | 1729
31 mag 2015 | 1581

Teatro

Visualizza tutti gli articoli
Fratelli d'Arte Magazine - Testata giornalistica registrata - Reg. Trib. di L'Aquila n. 4/13
Direttore responsabile Silvia Valenti - Contatti: redazione@fratellidartemagazine.it 
© 2013 Fratelli d'Arte Associazione Nazionale - Tutti i diritti sono riservati - Realizzato da oasiWEB