Oggi è ...

Ventrosoleil

Favola contemporanea di immagini e suoni

di Redazione - 31 marzo 2014
1384

Nuova produzione del Théâtre Am Stram Gram di Ginevra, in scena dal 1° aprile: Ventrosoleil è il racconto dolceamaro di una bambina, Nela, e della sua volontà di superare la “via tracciata”, affrancandosi dal padre macellaio e da una vita per molti versi predeterminata.

 

Scenografie innovative opera di Taraborrelli
Ventrosoleil è una favola di immagini e suoni, indissolubilmente uniti come soltanto nei racconti dei bambini possono esserlo, raccontata da Sistema Balance®, l’innovativa, originale scenografia con la quale Cristian Taraborrelli sorprende e cattura l’intuizione fulminea dell’attimo che diventa immagine, coniugando la dimensione spaziale e temporale.
In anteprima assoluta, la scenografia interpreta il sogno di Nela, la bambina protagonista dell’opera, che desidera vedere il mare, di arrivare al mare nonostante il singolare tentativo da parte del padre di impedirglielo.


Scenografia di Cristian Taraborrelli
L’alternarsi dei diversi piani spazio-temporali, che danno corpo al racconto, è espresso dal movimento, essenza stessa dell’impianto scenico. Il movimento rappresenta sia la sequenzialità del lavoro del padre macellaio, l’automazione, che il fluttuare dei pensieri della bambina, dando forma al suo immaginario.
Schermi che fluttuano e immagini in trasparenza, tulle traslucido e giochi di luci e ombre, elementi dal forte impatto materico e tecnologia digitale raccontano così la storia di nela, che incarna, con successo, la volontà di realizzare i propri sogni.
Questo disegno dello spazio scenico è un progetto poliedrico, che coniuga due elementi fondamentali che caratterizzano da sempre il percorso artistico di Cristian Taraborrelli: la ricerca dell’equilibrio e la tradizione italiana dell’invenzione e delle macchine sceniche di ispirazione barocca, accordata al sentire contemporaneo.
In questo percorso di ricerca, il raggiungimento dell’equilibrio diventa in Ventrosoleil l’asse portante della scenografia, “costruita” in parte dalla stessa protagonista, che manovra direttamente le macchine così come, sul piano ideale, determina le proprie scelte.
Una ricerca dell’equilibrio già molto evidente nella piéce di Dario Fo On ne paie pas, on ne paie pas! in scena alla Comédie di Ginevra nell’aprile 2013, sempre per la regia di Joan Mompart, dove il tema centrale della posizione dei personaggi nella trama viene risolto nella scenografia basculante, a significare l’equilibrio/disequilibio di persone e oggetti.
Fà così il suo debutto una nuova, originale interpretazione dell’impianto scenico nella quale i corpi e gli oggetti perdono di gravità, come animati da un flusso di energia che li rende leggeri, mentre immagini impalpabili - come l’immagine digitale in continua trasformazione - acquistano corpo e dimensione.

 

Am Stram Gram Théâtre Enfance Jeunesse
Il teatro Am Stram Gram è stato fondato a Ginevra da Dominique Catton e Nathalie Nath nel 1974. "Vogliamo affermare l'idea di un servizio di teatro pubblico, transgenerazionale, che non escluda nessuno dalla sua congregazione… mettere i bambini e giovani al centro dei nostri problemi e delle nostre questioni; riconoscere, attraverso varie forme estetiche, la forza delle parole e delle immagini, così come la diversità culturale che è l'opportunità del nostro tempo" ha sottolineato l'attuale direttore, Fabrice Melquiot.


Cerca
Teatro - Ultime news...
10 mag 2018 | 631
21 feb 2017 | 986
29 gen 2017 | 1180
20 gen 2017 | 887
17 gen 2017 | 919
7 nov 2016 | 940
2 mag 2016 | 1201
15 feb 2016 | 1384
1 feb 2016 | 1249
23 gen 2016 | 1175
15 lug 2015 | 1729
31 mag 2015 | 1581

Teatro

Visualizza tutti gli articoli
Fratelli d'Arte Magazine - Testata giornalistica registrata - Reg. Trib. di L'Aquila n. 4/13
Direttore responsabile Silvia Valenti - Contatti: redazione@fratellidartemagazine.it 
© 2013 Fratelli d'Arte Associazione Nazionale - Tutti i diritti sono riservati - Realizzato da oasiWEB