Oggi è ...
Grazie a tutti...
abbiamo appena raggiunto
1.790.000 visite

Intervista | Chiara Dello Iacovo fra i diesis e la salopette

Da The Voice of Italy al palco del Festival

di Nadia Macrì - 12 gennaio 2016
2138

Abbiamo raggiunto i giovani che parteciperanno al Festival di Sanremo e proposto loro un'intervista con le stesse domande, per confrontare i loro pensieri, le attese e i sogni. La prima che vi proponiamo è quella realizzata con Chiara Dello Iacovo che sarà in gara alla 66ª edizione del Festival di Sanremo nella sezione Nuove Proposte con il brano Introverso, scritto e composto dalla stessa Chiara Dello Iacovo. Prodotto da Davide Maggioni,  farà parte del suo album d'esordio, Appena sveglia, che uscirà nella settimana sanremese su etichetta Rusty Records.

Il pubblico dei talent l'ha conosciuta con la sua partecipazione al noto programma  televisivo "The Voice of Italy 2015" nel team  dei Facchinetti che cederanno la bacchetta al grande  Massimo Morini che dirigerà per lei l'orchestra all'Ariston: «Noi – ci dice Chiara – si lavora solo ed esclusivamente con pazzi sconsiderati»!


Sanremo è un'occasione per farsi ascoltare da tantissima gente: ma è un arrivo o una partenza?
Di sicuro è ambo le cose (che ogni evento contenga in sé i suoi due opposti non l’ho scoperto di certo io), perché da un lato va a soddisfare quel tacito senso comune per cui il Festival di Sanremo in qualche modo ti legittima ufficialmente in quanto cantante che “lo fa di mestiere”, dall’altro crea un indotto che se si sa gestire può essere “il La” per una carriera duratura. Per questo in realtà sono molto più curiosa di sapere cosa accadrà dopo, che non durante.

Hai ascoltato i brani degli altri giovani in gara? Chi ti incuriosisce di più musicalmente?
Di sicuro non riesco a non ballare freneticamente Amen di Francesco Gabbani ogni volta che mi arriva alle orecchie. Sono molto attratta invece, a livello umano, da Ermal Metal: non escludo che potremmo avere dei punti in comune.

E se ci fosse stata la serata dei duetti anche per le nuove proposte, con quale artista ti sarebbe piaciuto condividere il palco dell'Ariston?
Non è la prima volta che mi metto a nudo su questo fronte, quindi ribadisco la mia convinzione infondata secondo cui Niccolò Fabi sarebbe l’artista con cui riuscirei ad avere maggiore affinità su di un palco. Premetto però che creare un duetto veramente riuscito è più unico che raro, perché bisogna riuscire a creare un’alchimia tale da far sì che due cantanti cantino veramente insieme. Purtroppo spesso capita invece di vedere due artisti che stanno interpretando la stessa canzone, ma ognuno per conto suo...

Manca pochissimo al Festival: cosa non potrà mancare nella tua valigia?
Contando che la chitarra, e di conseguenza tutti i suoi ninnoli annessi, non si mette in valigia abbiamo già escluso un must. Contando che quaderni, penne, e libri li metto in borsa, un’altra buona fetta di necessità me la abbono in autonomia (se siete convinti che io stia meschinamente raggirando la domanda, la risposta è sì). Per la valigia restano sostanzialmente i vestiti, quindi opterei indubbiamente per la mia salopette anni ’90.
... Ora ho voluto fare la persona disinvolta, ma se sapeste quanti ammennicoli inutili nascondo negli anfratti dei cappotti e degli zaini, giusto per essere sicura di ricordarmi chi sono e chi voglio essere nei momenti di deragliamento, capireste che rasento la patologia.

Facciamo un passo indietro, come nasce il tuo amore per la musica?
Questa è una domanda che mi pongo spesso. Nei momenti di autoflagellazione ho il terrore che se mio padre non mi avesse instradato forse non avrei mai iniziato a suonare il pianoforte, e quindi a comporre. Di sicuro mi sarei comunque avvicinata al canto, come è successo difatti lo stesso, in maniera totalmente indipendente dai miei studi classici, ma non so che sbocco concreto avrebbe ottenuto. Questo perché ho sempre avuto il vizio di sparpagliarmi in varie arti (dal disegno, al teatro, alle arti marziali) e quando ci si trova in mezzo a questo quasi totale equipararsi di attrazioni, più si è giovani più è difficile discernere quale sia la strada più azzeccata. Per questo mi sento di dire che forse, l’amore per la musica, sia nato per davvero solo negli ultimi due anni: ovvero nel momento in cui ho fatto coscientemente una scelta. Forse quello che si diventa non è tanto dettato dalla possibilità (che a diciotto anni a maggior ragione appare infinita) quanto dalla volontà...

In Italia la strada per i giovani artisti non è semplice: ma sono di più le speranze o le paure per voi giovani artisti?
Non me la sento di fare le veci di altri. Per quanto riguarda me posso dire che sebbene queste due condizioni convivano, prevaricandosi l’un l’altra a fasi alterne, ce n’è una che le sovrasta entrambe: la determinazione. Quel sentimento che si fa strada sopra tutti gli altri quando quello che fai è una necessità...

In chiusura una domanda semi-seria: qual è la tua nota musicale preferita e perché?
Mi piacciono in generale tutti i diesis, fin da piccola mi hanno sempre dato l’aria di essere così intraprendenti. Che graffio quei cancelletti sulle partiture! Eppure chissà perché finisco quasi sempre per scrivere in Si bemolle...




Chiara Dello Iacovo - Introverso
1
L'autore

Nadia Macrì

Nadia Macrì, è nata nel 1977 a Zurigo, ma ha vissuto anche in altre città italiane, isole comprese.
Non è chiaro se per vocazione o per bisogno, alterna pittura, radio, canto, web e scrittura all'arte della medicina. Segue con particolare interesse gli artisti emergenti e ama tutto ciò che è alternativo.
Ha all'attivo diverse collaborazioni con emittenti radiofoniche, case discografiche e portali musicali. Collabora con diverse associazioni locali e nazionali per la realizzazione di eventi musicali, ma ama soprattutto comunicare con gli artisti attraverso le sue interviste che conclude sempre con la stessa domanda semi-seria: qual è la nota musicale preferita. Quasi a voler costruire una melodia aggiungendo una nota per volta.
Di se stessa dice: "Ci sono quelli che sanno tenere i piedi per terra. E chi ha sempre la testa fra le nuvole. Nadia è a metà. Tra terra e cielo”.
Cerca
Speciale Sanremo - Ultime news...
18 feb 2019 | 1060
10 feb 2019 | 725
8 feb 2019 | 533
8 feb 2019 | 657
6 feb 2019 | 718
10 feb 2018 | 4844
9 feb 2018 | 2358
6 feb 2018 | 2412
6 feb 2018 | 2545
5 feb 2018 | 2020
20 feb 2017 | 3554
16 feb 2017 | 5160

Speciale Sanremo

Visualizza tutti gli articoli
Fratelli d'Arte Magazine - Testata giornalistica registrata - Reg. Trib. di L'Aquila n. 4/13
Direttore responsabile Silvia Valenti - Contatti: redazione@fratellidartemagazine.it 
© 2013 Fratelli d'Arte Associazione Nazionale - Tutti i diritti sono riservati - Realizzato da oasiWEB