Oggi è ...

A tutto rap con Messia

"Fare un freestyle scritto è un po' complicato, proprio perchè è scritto, non parlato..."

di Nadia Macrì - 30 marzo 2016
1575

Alberto Pizzi, in arte Messia, è un giovane rapper della provincia di Bologna. E chissà se la laurea in Scienze della Comunicazione ha avuto il suo peso per la voglia di scrivere le prime rime...
Lo raggiungiamo per un'intervista che apre una rubrica che Fratelli d'Arte vuole offrire a tutti i rapper, a tutto rap!

Partiamo dal tuo nome d’Arte: chi lo ha scelto, cosa vuol dire?
Ho scelto questo nome quando ho iniziato con le prime rime. Non c'è un motivo preciso, mi piace perché si presta a molte letture differenti.

Ci racconti come e perché ti sei affacciato proprio al rap?
Ho iniziato quando ero un ragazzino, l'incontro col rap è stato apparentemente casuale. Tra gli amici circolava qualche cd, in tv qualche videoclip. Inizialmente penso mi abbia attratto la potenzialità espressiva di questo genere musicale. Ho cominciato imparando a memoria i testi dei rapper americani più famosi, scoprendo poi il rap italiano, e iniziando poi a scrivere le prime rime.

Sei fortunato come collocazione temporale, perché dopo anni di difficoltà, il rap in questo momento sta ottenendo i giusti riconoscimenti ed è il genere più amato dalle nuove generazioni, è così?
Sì è vero in questo periodo il rap gode di grande visibilità, sul rap si scrivono libri, si fanno film... quindi sì sono fortunato perché il genere sta ottenendo un grande successo, di contro c'è il pericolo che tutto questo "tam tam" porti a un po' di perdita di consistenza.

Nei testi dei rapper oltre alla denuncia, ci sono anche tante risposte e proposte… si può rappare tutto?
Ormai direi proprio di sì, all'interno del panorama rap italiano le tematiche e gli approcci alla scrittura variano parecchio. Tuttavia ci sono senz'altro ancora molti limiti da superare.

Ci parli dell’ultimo tuo brano? A chi si rivolge, come è nato?
Il brano nasce dalla collaborazione con Beppe Pellegrino ("The Theacher"), musicista e amico. Mentre io sono cresciuto tra beat e rime, Beppe è un musicista di gran spessore, l'idea è quella di mettere in contatto i due mondi da cui proveniamo, che differiscono sotto molti aspetti, e vedere cosa ne vien fuori. Elephant per me è quindi un po' un banco di prova, un po' banco di scuola. Non è indirizzato a un target particolare, è un brano che parla di elefanti, esseri ingrombranti che a volte si sentono davvero fuori luogo.

E a proposito di “voce del verbo rappare”, nei tuoi testi qual è la parola più strana (leggasi petalosa) che hai inserito?
In un brano una volta ho scritto "pinnacoli", però non sono ancora riuscito a inventare parole nuove.

Le donne rapper nel panorama italiano sono veramente poche, secondo te perché il rap è un genere strettamente maschile?
Non saprei dare una spiegazione, so che le donne sono spesso oggetto di dibattito anche nelle sfide di freestyle. Magari questo le scoraggia o rende il genere poco attraente per le ragazze.

Però il rap non è un genere per soliste e basta, le collaborazioni sono sempre tante: tu a chi devi il grazie più grande?
Un grande grazie va a Kongrega, il collettivo di cui faccio parte, e a Beppe, per avermi proposto di lavorare a questo progetto. Ma in realtà ci sono tante persone che mi hanno aiutato e supportato in questi anni di attività musicale a Bologna. Senza dubbio devo molto a questa città.

Ed invece qual è la collaborazione impossibile che hai nel cassetto?
Penso mi piacerebbe molto collaborare con un rapper d'oltreoceano, anche emergente. Sarebbe fantastico entrare in contatto con la realtà del rap americano.

Io chiedo a tutti gli artisti come domanda finale qual è la loro nota musicale preferita e perché: esiste anche per un rapper una nota musicale preferita?
Per noi rapper è un po' complicato perché non conosciamo le note. Forse direi DO.

Ci saluti con rigo di freestyle per Fratelli d’Arte?
Fare un freestyle scritto è un po' complicato,
proprio perchè è scritto, non parlato,
lo scritto può sempre essere corretto, perfezionato,
invece se parlavo all'imperfetto mi sbagliavo. Ciao!


Messia - IO [Official Video]
1
L'autore

Nadia Macrì

Nadia Macrì, è nata nel 1977 a Zurigo, ma ha vissuto anche in altre città italiane, isole comprese.
Non è chiaro se per vocazione o per bisogno, alterna pittura, radio, canto, web e scrittura all'arte della medicina. Segue con particolare interesse gli artisti emergenti e ama tutto ciò che è alternativo.
Ha all'attivo diverse collaborazioni con emittenti radiofoniche, case discografiche e portali musicali. Collabora con diverse associazioni locali e nazionali per la realizzazione di eventi musicali, ma ama soprattutto comunicare con gli artisti attraverso le sue interviste che conclude sempre con la stessa domanda semi-seria: qual è la nota musicale preferita. Quasi a voler costruire una melodia aggiungendo una nota per volta.
Di se stessa dice: "Ci sono quelli che sanno tenere i piedi per terra. E chi ha sempre la testa fra le nuvole. Nadia è a metà. Tra terra e cielo”.
Cerca
A tutto Rap - Ultime news...
2 gen 2017 | 1227
30 dic 2016 | 1385
14 dic 2016 | 930
29 ago 2016 | 1844
13 giu 2016 | 1196
12 mag 2016 | 1491
Fratelli d'Arte Magazine - Testata giornalistica registrata - Reg. Trib. di L'Aquila n. 4/13
Direttore responsabile Silvia Valenti - Contatti: redazione@fratellidartemagazine.it 
© 2013 Fratelli d'Arte Associazione Nazionale - Tutti i diritti sono riservati - Realizzato da oasiWEB